Calendario

Novembre 2011
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Set 2017> >>
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatore: 1

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati in: Novembre 2011

29 Nov 2011 


Seguendo le svariate notizie che i telegiornali comunicano, seguite da smentite che rettificano le stesse, mi sembra di avvertire attorno a me un caos totale, in cui non si sa con chiarezza che cosa stia davvero succedendo.
Ebbene, io che della politica e dell'informazione non ho la minima fiducia, ho la sensazione che dietro a tutto quello che si sta muovendo, vi sia una pianificazione scientifica nascosta da un apparente caos ben architettato.
Vedete, persone come Monti e il suo seguito, vengono definiti "tecnici", ma mi sa che dietro a quella parola, stanno termini come "affaristi, banchieri, speculatori", personaggi arrivati ad altissimi livelli proprio nel campo della speculazione.
Ovviamente intelligenti, capaci, preparati, che pianificano le mosse con estrema accuratezza ed eleganza non lasciano nulla al caso, pur di raggiungere il loro scopo e cioè "fare soldi".
Una semplice mossa non calcolata è impensabile da parte loro.
Ma allora, mi chiedo, perché questo senso di caos diffuso?
Non sarà mica pilotato?
Alcuni si stanno chiedendo come mai persone che guadagnavano milioni di euro l'anno, abbiano all'improvviso scelto di rinunciare a quei guadagni astronomici in cambio di una manciata di briciole e un mare di problemi.
Al loro spirito di sacrificio e all'irrefrenabile altruismo, scusatemi, non ci credo affatto.
Non me la bevo che il loro senso patriottico sia così alto, per cui sono portato a cercare una soluzione diversa da quella che vorrebbero farmi credere. Insomma, volendo essere alternativo a tutti i costi, percepisco dietro a tutto questo caos, un piano ben orchestrato, organizzato e studiato da persone che sono tutto meno che stupide.
All'Italia, si dice, verranno concessi degli aiuti: bene, alcune voci subito smentite parlavano di 600 miliardi di euro al 4-5% d'interesse, bella truffa no?
Dato l'ammontare del nostro debito, saranno alla fine, senz'altro più di 600 per cui, ragioniamo: se da 600 miliardi, che sono una cifra quasi inimmaginabile per molti di noi, ne preleviamo delicatamente senza far rumore 10, chi se ne accorge?
Voglio fugare i miei dubbi sul possibile altruismo del gruppo Monti e sul perché della loro aurea rinuncia dandomi questa risposta....almeno per ora.
Passerebbero dunque, quei signori, da uno stipendio milionario ad uno miliardario che, per dei banchieri e degli speculatori è un'offerta irrinunciabile!

All'erta sempre più.
Massi 

Massi · 114 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
28 Nov 2011 

Ecco, siamo alle solite, non ci sono e non si prospettano soluzioni radicali per uscire dalla crisi.
Non s'intende risolvere il problema, non prima almeno di aver impoverito ancora un po' gli italiani.
Tutti abbiamo capito che la Finanza non può guidare e controllare la Politica e, aver creduto che la speculazione e gli speculatori avrebbero permesso uno sviluppo ed un benessere esteso a tutti, è una mera utopia: gli speculatori non hanno morale sociale, altruismo e senso di responsabilità.
In America, dove sempre più persone si sono e si stanno rendendo conto che il "Sogno Americano" è un'illusione pura e semplice, da alcune settimane protestano anche in maniera forte e, nonostante le migliaia di arresti e fermi, non si arrestano.
Proprio l'America che ha conquistato l'Indipendenza dai Re Europei per non pagare più i tassi d'interesse e per coniare una propria moneta... 
Erano fondamentalmente dei coloni che versavano tasse ed interessi e oggi purtroppo la loro dichiarazione d'Indipendenza è stata messa nel dimenticatoio da quando si è costituita la Federal Reserve che ha smentito ogni loro parola dimenticando le vittime che hanno condotto l'America in guerra.
Essendo guidati da persone senza scrupoli, come possiamo pensare che chi crea guerre per il proprio interesse economico spacciandole per guerre di Democrazia e Libertà, possa guidare una nazione.
Da tempo noi ci muoviamo di riflesso all'America:l'America e il suo sistema hanno fallito, noi stiamo fallendo.
Ci hanno confinato in uno schiavismo creando illusioni da cui dovremmo liberarci per non permettere loro di continuare a derubarci da quel poco che abbiamo.
Qui da noi la guerra non si combatte più con le armi da fuoco ma con l'economia, perché siamo in guerra, siamo in guerra con le stesse persone che non si fanno scrupoli ad invadere i paesi più vulnerabili e facilmente assoggettabili con la superiorità delle armi a loro dire "tecnologiche" che mietono l'80% di vittime fra i civili!
Paesi attaccati per le risorse che contengono nel sottosuolo, altro che ideale democratico!
Siamo alla mercé di questa nuova classe di pirati, con il bene placito dei nostri politici. Tutti, e in tutta l'Europa.
Mi auguro che le proteste si estendano sempre più fino a farci render conto che non è giusto che il 2% della popolazione controlli il restante 80% tramite la corruzione qui da noi e la guerra altrove.

All'erta amici
Massi

Massi · 120 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
27 Nov 2011 

Ascoltando un'intervista con la Signora Europarlamentare Serracchiani, mi sono alquanto meravigliato.
Quando veniva intervistata durante il Governo Berlusconi, si schierava dalla parte degli operai, dava il pieno sostegno a chi la crisi la vive e la subisce. Caduto il Silvio, ora la gentile Signora sostiene il Governo Monti, che piace solo a lei e ai nostri politici, mentre al di fuori di una certa cerchia, credo che nessuno dia piena fiducia a lui e ai suoi tecnici.
Ha avuto il coraggio di dire che la Grecia è fortunata ad essere nell'Euro. Si è accorta che la Grecia è fallita? Ha seguito le manifestazioni e gli scontri che avvengono nella città ellenica?
Capisco che la Signora Serracchiani voglia difendere il suo stipendio di Europarlamentare, ma affermare il contrario di tutto solo per mantener saldo il suo posto di lavoro, non è corretto.
In Italia siamo ad un punto in cui ci vengono richiesti sacrifici straordinari: a noi, non a loro.
Monti presenta le sue manovre senza prima illustrarle al popolo come se fosse cosa già fatta. Non so quali parole usare per definire questi comportamenti, ma di certo non vi è la parola "Democrazia".
Siamo stati traghettati in una bella crisi dai nostri politici, dai nostri banchieri, dai nostri finanzieri e non mi stancherò di dire: "Chi non sa fare il suo lavoro se ne deve andare!"
Mi direte che infatti il Governo Berlusconi se ne è andato, ma io dico no, non se ne è andato nessuno di loro e, nessuno né della maggioranza né dell'opposizione è rimasto senza stipendio...anche se, ultimamente, vedo questi politici come degli accattoni, dei barboni....senza offendere i barboni...
Stranamente i nostri politici affermano con decisione che non prendono tangenti, strano per gente che si vende per un tocco di pane, permettendo agli strozzini della finanza di derubare e rapinare il suo popolo, vendendosi per qualche milione di euro che viene diviso a seconda del grado e del ruolo, permettendo agli speculatori di rapinarci per migliaia di euro. Eppure. dopo tutto questo, nessuno di loro è rimasto senza stipendio, al contrario di molti lavoratori onesti.
Le televisioni e i giornali sono nelle loro mani e quindi, per ora, la roccaforte resiste e speriamo che sempre più folla si accalchi sulle piazze senza bandiere né schieramenti.
Finiamola con questa Europa Unita, fino a qualche anno fa eravamo in guerra!
Questo è il motto dei banchieri che così razziano meglio.
Cara Signora Serracchiani, dovresti vergognarti in quanto non sei stupida e su questo concordiamo. Ma sei egoista e furbetta e ricorda che ciò che fai lo fai a spese degli operai e dei contribuenti Italiani, e non mi sembra poco.

Come sempre all'erta.
Massi 

Massi · 112 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
22 Nov 2011 




Cari Amici,
sembrava che la crisi fosse talmente pressante da dover approvare immediatamente alcuni provvedimenti anticrisi, però il Senatore Monti è in giro per l'Europa ad intrattenere buoni rapporti con gli altri Capi di Stato.
Invece di rimanere qui in Italia a lavorare, ha preferito partire per una tournée.
Credo sia andato a prendere gli ordini sulle varie manovre da far approvare.
Tutti sanno in Europa, che Monti è il nuovo Presidente del Consiglio; per cui, che necessità c'era di andare a zonzo per l'Europa a spese nostre?
I Signori d'Europa daranno di certo al Senatore le varie direttive da eseguire.
Ahimè, siamo caduti dalla padella alla brace, e non vedo proprio come si possa uscire da questa situazione, come recidere il cordone che ci unisce a questi vecchi corrotti che, qualunque cosa accada, loro ritornano sempre.
Non hanno scrupoli né coscienza e grazie a tutti loro, a vario titolo, siamo arrivati a questo punto. Il problema non li sfiora affatto e se ne fregano di tutti noi.
E' scandaloso! Per questo credo che nel prossimo futuro assisteremo a molti scontri nelle piazze e vivremo momenti difficili a causa dell'indignazione che ormai da troppo tempo coviamo tutti dentro di noi.
Il fatto è che nessuno di questi signori vuole ritirarsi e perdere il potere che ha conquistato. Ma, per ribaltare poteri forti ci vogliono maniere forti e questo purtroppo ci insegna la storia.
I sotterfugi che stanno mettendo in campo sono sotto gli occhi di tutti e tutti si accorgono che siamo presi in giro. Ancor più le nuove generazioni non sono certo impreparate o stupide....ovviamente non basta lamentarsi. La tela tramata è fitta e comprende ogni livello: politico, economico, d'informazione, talmente compromessi fra loro in ogni parte e schieramento, da rendere impossibile ogni tentativo di venirne a capo.
Da tutta questa corruzione, clientelismo, interessi ad ogni livello, mi piacerebbe sapere quale parte politica o Governo Tecnico potrà mai tirarcene fuori.
Tutti, nessuno escluso, nasconde il suo bello scheletro nell'armadio.
Se non si arriverà ad un forte movimento di piazza, una ribellione generale, le cose non potranno che peggiorare.

Come sempre all'erta.
Massi 

Massi · 113 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
21 Nov 2011 


Che dire cari amici, non si sa proprio più cosa dire e a chi credere.
Chi credeva che, una volta caduto Berlusconi, certi giornalisti non avrebbero più avuto di che scrivere, aveva ragione.
Non mi pare di sentire toni aspri che mi sarei aspettato da parte di alcuni di loro nei confronti del governo Monti.
La novità sta proprio qui: i giornalisti che attaccavano Berlusconi ora mi sembrano smarriti.
Il governo Monti non dovrebbe esistere, è uno specchietto per allodole, una truffa organizzata da quelle poche famiglie che temono di perdere potere, e nessuno scrive una riga.
Un'operazione pianificata (e neanche tanto bene) per lasciare le cose esattamente come stanno.
Vedete, io credo che si sia incrinato il rapporto tra politica e finanzieri, la connivenza tra questi due poteri è venuta meno in quanto nessuno si assume la responsabilità dei danni causati ai vari paesi.
L'Europa è in crisi per tanti motivi che, sintetizzati in un'unica parola, vengono tradotti in "razzia".
I Signori della Guerra dell'antichità, sono la fotocopia di quelli odierni; ciò che spingeva alla conquista un tempo, muove oggi la stessa energia: l'ingordigia e la competizione di certi personaggi in lotta tra loro per primeggiare. Vanità, potere, denaro, controllo, senso di superiorità.
Tutti i più bassi istinti della nostra specie!
Vivi oggi più di ieri, nuovi imperatori per nuove società.
Ma pare che tutto questo passi inosservato agli occhi dei nostri colti e preparati giornalisti.
Non si pensa se il governo Monti sia davvero adatto o meno...è solo l'altra faccia della stessa moneta.
Sono certo che questo nuovo governo non arriverà a fine legislatura anche se è pur vero che la Democrazia Cristiana sa mediare e quindi forse tra finanzieri e politici si potrà ricomporre la frattura a spese nostre. Ma, del resto, ciò sarebbe scontato anche nel caso in cui la ricomposizione fallisse.
E' come se avessimo due pistole puntate alle tempie. Da dove preferite parta il colpo? Tanto il risultato non cambia, sei morto.
E' spiacevole accorgersi che certi giornalisti non attacchino a testa bassa questo governo nello stesso modo in cui attaccavano quello passato. Spero e mi auguro sia solo un'indecisione dettata dalla prudenza anche se giungo ad una conclusione assolutamente negativa di questo governo e se, ci arrivo io, comune cittadino, è tutto dire....ricordate che cane non mangia cane.

Stiamo all'erta.
Massi

Massi · 115 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat

1, 2, 3  Pagina Successiva