Calendario

Gennaio 2012
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatori: 2

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati il: 07.01.12

07 Gen 2012 
 

In Ungheria è salito al Governo un partito che non è gradito all'Unione Europea, un partito che è comunque al potere dopo una votazione nazionale.
Chi governa era già stato al potere in passato, eletto secondo leggi democratiche, con una larga maggioranza elettorale e non è "salito al colle" con un colpo di stato.
Le cose però non piacciono ai soliti noti grandi della Democrazia finanziaria cioè chi in pratica governa in America e nella nostra Europa dell'Euro.
Insomma, ai banchieri e ai finanzieri la Democrazia eletta in Ungheria non piace, non gli va' bene che delle elezioni legittime, senza ombra di brogli elettorali, abbiano portato a governare una persona che non è un burattino nelle loro mani.
Da questo deriva un attacco economico da parte dell'Europa nei confronti di questa nazione e le notizie che abbiamo qui da noi sono quelle pilotate dai nostri Governi: quando è necessaria, la guerra si fa anche oggi, non con le bombe ma con le sanzioni, per obbligare ad ammorbidire chi non è disposto a prostrarsi davanti ai magnati e agli speculatori.
Sapete, io penso che l'Ungheria non avrà problemi ad affrontare le nostre sanzioni, le basta rivolgersi alla Cina o all'Unione Sovietica e non si riforniranno all'estero.
Il fatto è che, questo creerebbe un incidente che potrebbe far aprire gli occhi alle masse. Potrebbe farci capire che gli speculatori che ci governano non sono poi così indispensabili e giusti nel loro modo di fare economia rivolto solo a produrre ricchezza per loro stessi.
Ci impoveriscono a tal punto che dobbiamo fare debiti per andare avanti, con il debito poi ci hanno in pugno e ci ricattano. Siamo nelle loro mani e basta vedere cosa sta accadendo ora che dovrebbero abbassarsi lo stipendio...ogni Italiano si è trovato tassato e più povero e la colpa è solo dei politici che però se ne fregano bellamente.
La loro colpa sta a monte: invece di contrastare la speculazione e gli speculatori, hanno solo pensato di riempirsi le tasche, poi tanto ci sono gli Italiani che pagano e chi se ne frega!
Ora staremo a vedere se in Ungheria moriranno di fame o riusciranno un po' alla volta a rendersi liberi dalla schiavitù dei debiti, le catene che oggi ci legano e ci impediscono di essere liberi.

Staremo proprio a vedere.
Massi





Massi · 91 visite · 0 commenti
Categorie: Cat