Calendario

Febbraio 2012
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829    

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatore: 1

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati il: 04.02.12

04 Feb 2012 
 
Qui da noi si riesce a fare ciò che si vuole: nessuno controlla e nessuno sa.
Credo che, i milioni di euro spariti e il fatto che Lusi abbia potuto arraffarli senza che nessuno se ne accorgesse, abbia dell'impossibile. Questo, lo riusciamo a capire tutti.
Vi sembra strano?
I politici sono molto attenti a non togliersi neanche un euro, sono accortissimi ai soldi, per cui, vi pare possibile che 13 milioni di euro possano sparire senza che nessuno se ne accorga?
Movimenti da milioni e nessuno vede: assurdo.
Questo ci fa capire che in Italia le cose non cambieranno finché non riusciremo a cacciarli questi politici, tutti.
Se è pur vero che tutti rubano, è anche vero che non vi sono denunce da parte di politici nei confronti di altri politici. Voglio dire che, i politici onesti girano la faccia dall'altra parte e nessuno è disposto a sacrificare la sua posizione ed il suo stipendio. Anche chi è onesto alla fine diventa disonesto in quanto tace.
Comunque sulla faccenda Lusi farà chiarezza la magistratura, speriamo almeno questo.
Quello che è ancora più assurdo qui in Italia è che il nostro premier Monti ha detto che il posto fisso è noioso e cambiare è un bene per tutti. Forse sarebbe il caso di fargli presente che questa legge andrebbe applicata proprio dove lui svolge la sua attività lavorativa. Avete notato che raramente un politico cambia lavoro?
Sono proprio loro ad essere i più stantii.
Noi tutti oggi in Italia siamo precari, flessibili, mobili, destrutturabili, labili e chi più ne ha più ne metta....solo loro rimangono incollati al loro posto per secoli, solo loro sempre sulla stessa poltrona, solo loro immobili come statue.
Ovvio che a sto punto tutti quegli Italiani che pagano le tasse, dipendenti, che non hanno modo di evadere o rubare, sono arrabbiati e delusi credo proprio anche dal profesur.
A me, sinceramente, dello spread non me ne frega niente se scende o sale. Non ho soldi investiti, non sono un banchiere. So solo che non riesco ad arrivare a fine mese e so che noi poverelli disgraziati che veniamo spremuti come arance, tartassati, ce ne freghiamo altamente dello spread.
Sappiamo che incide sul debito pubblico e che se è più basso pagheremo meno interessi in futuro, ma il mio futuro è domani e non tra cinque anni.
Questo sistema d'informazione che ci presenta problemi a noi sconosciuti e ci rende partecipi nostro malgrado, investendoci di responsabilità che non abbiamo vorrebbe così renderci familiare quel linguaggio tecnico per coinvolgerci nei loro fallimenti.
Io che mi alzo la mattina e semplicemente "vado a lavorare" non ho niente a che fare con lo spread e, se fosse per me, questa parola non esisterebbe: non l'ho inventata io e quindi non ne sono responsabile!

Ma dai, buttiamoli fuori.
Massi


Massi · 140 visite · 0 commenti
Categorie: Cat