Calendario

Dicembre 2011
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatori: 2

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati il: 31.12.11

31 Dic 2011 
 

E così, cari amici, siamo arrivati alla prematura fine della vita di Don Verzè.
Prematura, poiché se fosse rimasto ancora un po' qui con noi, avrebbe potuto raccontarci molti retroscena sulle varie ed illegali operazioni svolte al S.Raffaele, l'ospedale che la buonanima guidava e dirigeva.
Forse se fossimo arrivati al processo, se i Giudici e la Procura si fossero adoperati con un po' di solerzia in più, senza lasciar passare così tanto tempo, saremmo riusciti a scavare nell'oscuro mondo delle operazioni finanziarie ecclesiastiche.
Verzè aveva 91 anni ed era facile dedurre che forse non c'era molto tempo da perdere.
Ad essere malignetti, per pensare fuori dagli schemi, io ci vedo una certa qual premeditazione e forse più di qualcuno si è augurato che giungesse questo epilogo. Non voglio dire che il suicidio del braccio destro del Don non sia stato un vero suicidio, però ci sono molti modi per far sì che una persona si tolga la vita.
Colui che giunge alla soluzione del suicidio è chiaro che presenta una certa fragilità psicologica, un'incapacità di far fronte alle difficoltà che sarebbero arrivate a causa di comportamenti illeciti....chissà quante cose poteva raccontare, segreti che sicuramente avrebbero scosso l'Italia.
Nessuno sarebbe riuscito a fare tutto quello che Verzè e il suo compare hanno fatto senza avere alle spalle dei poteri molto ma molto forti. Sembra incredibile, ma quando ci sono persone legate alla chiesa che si suicidano o defungono all'improvviso per cause naturali, più che ovvio pensare che ci sia qualcosa di strano.
Quando vengono a galla problemi dietro i quali appare la Chiesa, non si riesce quasi mai ad arrivare ad un processo pubblico.
Tutti possiamo però capire che Verzè e Cal, da soli, non potevano creare un buco da un miliardo di euro senza avere appoggi nella politica, nella finanza e nella stessa Chiesa a livelli altissimi.
Una piovra che aveva tentacoli in ogni direzione, in ogni posizione chiave, e il cui processo sarebbe stato incredibile per i risvolti che avrebbe presentato e per le persone che avrebbe rovinato. Che spettacolo!....
Il fatto che i riflettori non fossero mai veramente stati accesi sul caso San Raffaele così come le notizie che hanno evitato ogni scalpore mi porta a riflettere ancor più sull'importanza che quel processo avrebbe avuto se fosse stato portato all'attenzione degli Italiani.
Ora, la prematura dipartita, che per più di qualcuno sarà provvidenziale, chiuderà il processo e anche questa volta la Chiesa ne uscirà illesa.
Non credo ci sarà un'autopsia sul corpo del Verzè e, se in ogni caso dovesse esserci, state certi che la eseguirà un buon Cristiano!

Buon anno amici carissimi!
Massi

Massi · 173 visite · 0 commenti
Categorie: Cat