Calendario

Dicembre 2011
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatori: 2

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati il: 17.12.11

17 Dic 2011 

Adesso stanno parlando di seconda fase.
In pratica il professor Monti dovrebbe adottare le misure necessarie allo sviluppo e alla ripresa dell'economia.
Ma come potrà esserci questa ripresa se la direzione generale dell'economia non verrà cambiata alla base?
Il fatto che numerosi appartenenti all'alta finanza, personaggi che di economia se ne intendono, continuino a ripetere che la situazione è grave, mi fa mal sperare.
Loro conoscono il sistema finanziario dall'interno, sanno che chi ci guida negli investimenti lo fa' a spese nostre, con i soldi nostri, i nostri immobili, case, negozi, fabbriche ecc. Chi ci suggerisce dove investire non rischia nulla.
Chi perde tutto è il risparmiatore: la crescita (ed il passato ce lo dimostra) arriva fino ad un certo punto, e dopo, secondo una legge naturale simile alla stessa gravità, nuovamente ridiscende.
La crescita e la caduta sono studiate, pianificate e non certo casuali. La cosa che però ci dovrebbe allarmare è che queste cadute sono sempre più frequenti. Grazie al potere crescente della finanza sulla politica, non vi è controllo o garanzia per chi i soldi intende investirli.
Ovvio che per i grandi banchieri il problema non si pone: parlano di miliardi di euro con tranquillità tanto mica sono i loro. Vengono assunti con la promessa di guadagni astronomici senza alcuna fatica, basta che siano in grado di indirizzare i flussi di denaro nelle direzioni stabilite e che sappiano raccontare in modo convincente ai propri polli dove investire i soldi per poi essere in grado di toglierglieli.
La politica dovrebbe appunto vigilare su chi sceglie di speculare e, aver lasciato mano libera ai finanzieri, vuoi per corruzione, vuoi per farsi finanziare la campagna elettorale, beh, questa negligenza ha portato la finanza ad avere in mano debiti talmente alti da poter far fallire una nazione.
Resta comunque il fatto che i finanzieri non sono degli angioletti nemmeno loro e hanno diverse colpe in materia.
Però la maggiore responsabilità, secondo me, ce l'hanno i politici che hanno dato il permesso.
Adesso poi, che i guai sono arrivati a bussare anche alle loro porte, cosa hanno pensato di fare? Ci hanno direttamente buttato fra le braccia degli speculatori,dei banchieri....negli ingranaggi della finanza.
Se la racconti in giro dicono che sei matto, ma è ciò che penso.
Non ci sarà alcuna ripresa e sempre più i cittadini si troveranno a dover pagare per salvare le banche e sempre più spesso perché da parte di nessuno c'è la volontà di fermare il treno della speculazione.
Poi, ce la possono raccontare e girare come vogliono poiché sono ben istruiti e ben collaudati a prenderci in giro!

Grazie come sempre di leggermi.
Massi.                     

Massi · 73 visite · 0 commenti
Categorie: Cat