Calendario

Febbraio 2012
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829    

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatore: 1

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati il: 15.02.12

15 Feb 2012 
 

Parlare della Grecia in questi giorni è doveroso.
Il paese è ormai schiavo della Comunità Europea e i politici greci non comandano secondo una volontà popolare, bensì sotto il tallone di poteri economici esterni.
Il popolo è in rivolta e purtroppo quando il malcontento è così diffuso e in particolare "ignorato", ovvio che si rinvanghino dal passato quei ricordi negativi che certi paesi hanno contribuito a costruire nei loro confronti.
La gente è alla fame. Solo i politici ed i banchieri continuano a prosperare anche in questi momenti: del resto è a loro che vengono consegnati gli aiuti!
E, vista la massa di denaro che fluirà nelle casse dello stato, qualcosina verrà messo in tasca.
Inoltre, quello che resterà verrà riconsegnato alle banche per ripagare il debito pubblico.
Il parallelismo con l'Italia è automatico.
Anche qui in Italia, come popolo non siamo chiamati a nessuna delle decisioni che vengono prese; ce le mandano giù e basta. Subiamo delle manovre che ci impoveriscono ogni giorno di più senza poter dire nulla, in silenzio, in pratica sotto dittatura. Lo so che la parola dittatura è pesante da usare, però quale altro termine può definir meglio queste procedure?
Oggi al governo stanno sedute persone che non abbiamo votato, e su questo siamo tutti d'accordo, poiché il governo precedente regolarmente votato non è stato all'altezza. 
Chi siede a destra e chi a sinistra, chi è pagato per risolvere i nostri problemi e guidare la Nazione non è in grado di farlo.
Ora il governo Monti sarebbe in grado di riuscire a risolvere tutto, certo, lo sta facendo a spese dei più deboli. Proprio come in Grecia anche noi qui paghiamo i conti mentre industriali, banche, finanzieri e speculatori non pagano niente: il conto è girato a noi.
In pratica, su scala ridotta, noi siamo già fin d'ora lo specchio della Grecia e tutti gli organi d'informazione ci deridono e anche chi finge di suggerire una soluzione alternativa è ugualmente schierato a favore di questo pensiero speculativo che ci sta portando alla rovina.
Purtroppo nessuno parla di una soluzione che sia indipendente e al di fuori della Comunità Europea e, di proposito, non vengono offerte quelle soluzioni davvero contrapposte mentre i partiti politici non fanno altro che "rassegnarsi" alle varie manovre di austerità sdoganate dal governo Monti e, alla fine, cercano di accontentare il proprio elettorato come possono in vista delle elezioni.
Il fatto è che se non ci sganceremo dalla Comunità Europea, e di conseguenza dall'America, non ci libereremo da queste zavorre che ci ancorano ad un mercato basato sullo sfruttamento dei più deboli.
Non ci dovrebbe far meraviglia se il mercato è regolato dal più forte che sfrutta il più debole anche se l'evidenza ci mostra che in questo caso noi siamo i più deboli e quindi gli sfruttati.....

Buona serata 
Massi

Massi · 167 visite · 1 commento
Categorie: Cat