Calendario

Gennaio 2012
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatori: 2

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati in: Gennaio 2012

15 Gen 2012 
 


Allora di certe cose e di certi argomenti proprio non se ne vuol parlare. 
Sembra quasi che la tv e la stampa adottino uno schema, una linea generale da seguire.
Notizie tipo: liberalizzazione di banche, assicurazioni, riduzione degli stipendi dei parlamentari, l'Imu alla Chiesa (vecchia Ici) e altre di rilievo nazionale non vengono portate alla nostra attenzione continuamente e, se non vengono pressati, i nostri politici fanno orecchie da mercante.
Per cui, certe notizie e certi comportamenti che sarebbero da seguire, vengono dimenticati in fretta dalla stampa e dalla televisione.
Gli organi di stampa hanno alle loro spalle una regia unica, delle direttive da seguire in generale. Ogni giornalista è, in pratica, un venduto ai vari livelli superiori e obbedisce pena il licenziamento.
Del resto l'Italia, sotto il governo Berlusconi era attorno al 50° posto nella lista della libertà d'informazione e ora, con il governo Monti, avremo di sicuro perso ulteriori posizioni.
Il governo Monti andrebbe sostituito, e di questo, ne sono certo. La linea filo americana che stiamo seguendo ci sta portando alla rovina e al fallimento.
E' logico che i problemi dell'America vengano scaricati su di noi; il fatto è che non è più possibile sostenere il consumismo americano, non lo è più a livello mondiale. Non sono più produttive le guerre di conquista americane oggi come oggi e le campagne militari non hanno la stessa resa economica del passato.
Questo è quello che sta accadendo oggi: non si possono più conquistare i territori con i conflitti, il mondo giudica in modo negativo le guerre e del resto la scusa dell'esportazione della Democrazia non riscuote più lo stesso successo del periodo immediatamente successivo all'undici settembre.
Insomma, amici, l'orchestra mondiale che ci dirige, secondo me, e non è mai stata tanto vulnerabile e criticata.
Dovremmo, qui in Italia, sganciarci dall'America, riuscendo a convertire la nostra economia, cambiando sistema e modo di guadagno. Siamo arrivati ad un punto in cui il fallimento di interi stati è dietro l'angolo.
I nostri politici sono marionette mosse da fili ai quali non osano ribellarsi; tanto loro un porto sicuro in cui ripararsi lo trovano sempre, hanno accumulato ricchezze tali da riuscire a cavarsela in qualunque situazione.
Saremo noi, che siamo senza paracadute, a ritrovarci nei guai facendoci la guerra l'un l'altro mentre qualcuno si godrà lo spettacolo dal di fuori, in attesa delle prossime mosse da fare.
Siamo su di un binario morto e, o lo capiremo per tempo ribellandoci a questa politica suicida, oppure il futuro che ci attenderà sarà sempre più amaro, al cui confronto, i Maya si farebbero una bella risata.

Buona domenica
Massi


Massi · 78 visite · 2 commenti
Categorie: Cat
12 Gen 2012 
 


Cari amici non preoccupatevi, tutto bene, tutto come da copione, non ci sono novità di rilievo, Cosentino non finisce in carcere come era prevedibile. Baci e abbracci dopo il voto, applausi da stadio...insomma gli Intoccabili restano tali anche per ora!
I pentiti che accusano Cosentino sono credibili per tutti, e infatti molti di loro sono già al fresco da un po', ma quegli stessi pentiti non vanno bene ai politici che hanno infatti salvato l'onorevole.
E questo è quanto succede in Italia: i nostri onorevoli sono questo ed io non mi meraviglio affatto anche perché come vi dico sempre, per me con Monti non è cambiato niente e niente in futuro cambierà proprio grazie al suo lavoro.
Se qualcosa si modificherà sarà solo grazie alle enormi proteste di piazza, solo grazie a tutti noi e alla nostra esasperazione che ribalterà tutto questo scandalo di governo.
Il fatto poi che le firme che sono state raccolte per cambiare il porcellum per quanto riguarda il voto, non abbia affatto tenuto conto dei desideri legittimi degli Italiani, ci porta a pensare che ciò che democraticamente andrebbe agito, viene semplicemente ignorato.
Che Dipietro abbia attaccato tutto e tutti è normale.
Se noi in Democrazia affermiamo che una cosa non ci piace, che va cambiata o modificata, i nostri politici non avrebbero il diritto di ignorarci poiché in Democrazia sono i cittadini ad avere il potere. Se il potere se lo costruiscono i politici a loro immagine, se le leggi o le agevolazioni se le decidono in intimità anche contro il volere dei cittadini.....allora non è più una Democrazia. Evidente e ovvio.
Io lo sostengo da tempo che la nostra è un'Oligarchia a livello mondiale. Solo che, in Italia, questo fenomeno assume un carattere inaccettabile e vergognoso.
Quali strumenti democratici ci restano per far cambiare le cose?
Quale potere ci resta per far cessare questo schifo di politica?
Adesso ci si dimentica del fatto che i nostri politici non si sono abbassati di un euro lo stipendio e anche in questo caso se ne sono fregati della volontà popolare che all'unanimità chiede ai propri politici un piccolo gesto di buona volontà.
Come dovremmo chiamare questo Governo?
Con quali parole o epiteti dobbiamo apostrofarlo?
Quali mezzi adoperare per cacciarli via tutti dal primo all'ultimo?
Referendum, raccolta firme: pare tutto inutile.
Non contiamo niente, andiamo solo bene per pagare gli stipendi.
E a pagare siamo molto bravi.

Guardatevi Servizio Pubblico che riprende stasera
Massi

Massi · 78 visite · 0 commenti
Categorie: Cat
11 Gen 2012 
 

Visto amici? Siamo alle solite: il politico che si è fatto pagare le ferie a cinque stelle si è dimesso.
Per senso di responsabilità, dice lui, affinché non gravino strane ombre sul governo Monti.
Ma le ombre ci sono già, caro professore, e queste dimissioni non le fugheranno di certo anche se lei ha detto che con questo gesto il caso è chiuso.
Forse per lui sarà chiuso, a me sembra che la parola fine sia un po' prestino per usarla, e proprio Monti dovrebbe esigere dal suo politico di fiducia delle spiegazioni esaustive, altro che caso chiuso!
E così ci sono dubbi sulla moralità di più persone del nuovo governo, i nuovi politici che prima erano affaristi. Non credo potessero essere estranei al sistema che vige in Italia di bustarelle, regali e quant'altro poiché è un sistema capillare nel nostro paese e non se ne salva uno. A certi livelli non ci arrivi se non ti fai qualche buon amico in politica.
Come si dice? "Santo in paradiso", termine che mai più di oggi ha un senso. Purtroppo da questo meccanismo non ne usciremo con questo governo; certo cercherà di attenuare tutte le nefandezze palesi che si portano avanti oggi con disinvoltura e tranquillità.
Anche il politico che ha comprato un appartamento vista Colosseo per una miseria, ha detto che è "una pratica normale e diffusa". Probabilmente per certe persone è normale comprare appartamenti al prezzo di un garage. Che affermazione vergognosa! Ma quale tranquillità e faccia tosta certe persone usano nel sostenere che, certi comportamenti quanto mai immorali se non delinquenziali, siano considerati "normali". Ma non si preoccupano di ciò che dicono?
E' logico dedurre che Monti e i suoi banchieri non scardineranno nulla di tutti questi comportamenti illegali: sono troppo coinvolti a vari livelli negli ingranaggi scorretti italiani.
Con pazienza, costanza, calma dobbiamo passare questo messaggio a chi ci circonda.
Lo so, sono noioso ed è stancante ripetervi sempre le stesse cose, soprattutto se ti senti impotente ed isolato.
Ma non credete che a me non farebbe piacere far scomparire con uno schiocco delle dita tutti questi corrotti che ci governano?
Tutti sono corrotti, tutti lo sappiamo, facciamo quello che ci è possibile per divulgare queste idee ovvie.
Magari a forza di parlarne verrà fuori anche la soluzione.
Io scrivo ogni giorno, ogni giorno le stesse cose, lo faccio volentieri perché spero che saremo sempre di più a volerli mandare via, tutti, nessuno escluso.
Preferisco un operaio al governo che uno qualunque di quei pidocchi!

In gamba
Massi


Massi · 68 visite · 0 commenti
Categorie: Cat
10 Gen 2012 
 

Le cose non vanno bene, lo vediamo, lo sappiamo, lo subiamo.
Credo che tutti noi siamo toccati da questo risultato: un risultato che è frutto della nostra politica.
Siamo entrati in un meccanismo che è un vortice che ci sta risucchiando e che è destinato ad implodere.
Guardate come, dopo appena due giorni, si sia già sgonfiata la questione Ungheria. Non se ne parla più. I media si sono già dimenticati di tutto oppure, come io credo, siccome l'Eurozona non ha peso e non può obbligare nessuno ad andare contro le scelte espresse dal popolo, si è messa la cosa a tacere.
Qualche settimana fa, l'Inghilterra non se la sentiva di esporsi per qualche miliardo di sterline per aiutare l'Euro e, anche nei suoi confronti era partita una campagna di intimidazione, risultato: dopo qualche giorno di polemica, tutto è stato dimenticato. La stessa cosa per il caso Grecia. Non si sa più cosa stia accadendo in quel paese. L'Euro fa la voce grossa, abbaia, ma non morde.
Tutti questi paesi che si sono messi in cattiva luce davanti all'Euro, non mi pare siano stati invasi o attaccati dagli eserciti europei. L'opzione militare è stata scongiurata, quella economica, anche.
Il fatto è che le minacce dell'Eurozona sono solo virtuali, finte, farse belle e buone. Tutta l'Eurozona è virtuale. E' stata creata per speculare su larga scala, guadagnare miliardi sulla base di un'illusione, truffare tutti noi su vasta scala senza che potessimo sapere dove puntare il dito.
Truffati per ignoranza.
Del resto, si può truffare solo chi non se lo aspetta e per noi comuni cittadini italiani è impensabile sapere quanti miliardi di euro ci costa mantenere in piedi il circo dell'Euro.
Europarlamentari pagati e stipendiati dalla macchina euro i cui costi sono un mistero.
Volano tra l'Italia e il mondo per un motivo o per un altro a spese nostre.
Il bello è che noi paghiamo e in più siamo sotto attacco dagli stessi appartenenti all'Eurozona che tramano a danno nostro, è incredibile.
I paesi come l'Inghilterra che non si piegano all'Euro vanno avanti nonostante le vuote minacce che noi le muoviamo. Noi, del resto, veniamo messi in difficoltà da quegli stessi paesi che come noi hanno adottato l'euro come moneta di scambio. A me tutto questo....mi sa tanto di truffa....

Buona cena
Vostro Massi

Massi · 75 visite · 0 commenti
Categorie: Cat
09 Gen 2012 
 


La promessa Monti sta per tramontare e ora che andrà ad intervenire su quei punti che da sempre erano protetti dai politici di destra o di sinistra che siano, ne vedremo delle belle.
Lasciamo stare le liberalizzazioni annunciate e che farmacisti e tassisti possano far cadere il governo o metterlo in difficoltà, è impensabile; ma, appena saranno approvate anche queste manovre si dovrebbe passare ai poteri forti!
Tutti, credo, riusciamo a capire che non sono certo le liberalizzazioni di queste due categorie a risolvere il problema Italia: questo lo sanno bene anche i nostri nuovi leaders. Sanno anche bene che se andranno a mettere le mani sui problemi veri, cominceranno i guai per loro e la loro categoria che ha da tempo prosperato sul piacere della corruzione.
Le imprese in questione, se vedranno diminuire le commesse e le entrate, potrebbero ribellarsi e fare in modo di mettere a rischio il nuovo governo. E sappiamo che i politici sono ricattabili perché con le mani sporche che si ritrovano e la paura di correre il rischio di essere indagati.....
Del resto si è visto ultimamente come certi grandi imprenditori abbiano dichiarato di aver collaborato con i Giudici per limitare le perdite economiche.
Dopo aver pagato i politici per anni fior di milioni di euro, vedersi disattese le loro aspettative li rende infelici, traditi e l'unica arma di vendetta è proprio rivolgersi ai Magistrati. Certo che a pensare ad un'eventualità del genere ci si dovrebbe preparare ad un'altra "mani pulite" e questo i vecchi politicanti lo sanno e non credo vogliano incappare in condanne giudiziarie.
Ecco perché non credo che Monti riuscirà ad attaccare quei poteri: lo farebbero cadere prima, questo è sicuro.
Monti ha solo due scelte davanti a sé: operare sui settori che danneggiano e impoveriscono gli Italiani o applicare alcune liberalizzazioni che non influiranno sul bilancio in modo significativo, anzi pressoché nullo.
Ma il governo Monti non potrà scardinare quei settori. Ci butteranno fumo negli occhi in attesa delle grandi riforme e, intanto, faranno quelle insignificanti.
Questa, amici, è la realtà.
Basta vedere i risultati sui costi della politica: una buffonata bella e buona.
Ma è proprio per quella disunione di cui vi parlo spesso che un Monti qualsiasi riesce ad andare al governo mentre noi faremmo davvero cambiare le cose.
Ricordiamoci che Monti è dei loro, non dei nostri.

Buona lettura
Massi


Massi · 84 visite · 0 commenti
Categorie: Cat

Pagina precedente  1, 2, 3, 4, 5  Pagina Successiva