Calendario

Dicembre 2011
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatore: 1

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati in: Dicembre 2011

08 Dic 2011 


Ritengo che le recenti apparizioni dei nostri politici nelle varie trasmissioni che parlano come se nulla fosse, sia un insulto a tutti noi.
Negli ultimi vent'anni, in cui si sono alternate destra e sinistra, i politici hanno solo pensato ad arricchirsi, sistemare i propri familiari nei posti privilegiati, senza curarsi minimamente della cosa pubblica, degli Italiani. Se ne sono fregati!
Il bello è che i politici di vent'anni fa sono gli stessi che vediamo in televisione oggi mentre dispensano consigli a destra e a manca, senza la minima vergogna, il minimo rimorso o il minimo orgoglio, anzi, al contrario: con arroganza, presunzione e prosopopea.
Se avessero posseduto una seppur minima dose di orgoglio, avrebbero ammesso pubblicamente la loro incapacità e si sarebbero ritirati dalla scena e dai lauti compensi, per lasciare il posto ai giovani che forse con più entusiasmo e meno cupidigia, si sarebbero dedicati al "problema Italia".
Dopo anni di lavoro sotto le direttive delle banche e delle grandi storiche famiglie Patrizie, hanno loro consegnato addirittura il Governo.
E dopo questa ennesima carognata, credo che la misura dovrebbe essere colmata.
E invece no.
Questi schiavi delle banche e degli speculatori avranno il coraggio di ripresentarsi alle prossime elezioni con sistemi subdoli e infidi.
Avete notato quanta pubblicità di meno c'è per il Natale? Hanno messo a tacere il tema e la festività natalizia per trascorrere questo periodo senza troppo clamore. Hanno fatto la mossa più logica: hanno ridotto drasticamente la pubblicità!
Ingegnoso e subdolo, vero?
Provate a farci caso. Glia altri anni a Natale eravamo tutti a canticchiare qualche gingle, quest'anno non se ne sente uno, strano no?
Ricordate sempre che siamo nelle mani di persone che sanno come orientare i mercati per guadagnare miliardi di euro, quindi di conseguenza devono sapere come dirottare le masse convogliandole dove vogliono loro.
La mia speranza, anzi la mia personale analisi è che tutto fosse già preparato e che la caduta dell'euro sarà la conseguenza di queste manovre.
Ma non si arriverà a questo senza prima aver immiserito ed impoverito il popolo per poter guadagnare qualche centinaia di miliardi di euro.
Tutto preparato: noi ridotti in schiavitù grazie ai debiti.....che è poi quello che sta già succedendo...

All'erta ragazzi!
Massi


Massi · 47 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
06 Dic 2011 

Cosa dire? Ci sono talmente tanti e variegati argomenti da affrontare che c'è solo l'imbarazzo della scelta!
La Manovra Monti si commenta da sola; sprecare parole non mi sembra il caso.
Mi sembra invece più interessante parlar del mercato finanziario che sembra sia una parola astratta: concedetemi di collegare la parola finanza alla realtà.
Dietro alla "finanza" è importante capire che ci sono delle persone in carne ed ossa, proprio come noi.
Quindi quando si parla di speculazione è importante pensare e capire che ci sono degli speculatori.
Ci dicono che parta dai mercati e dalle banche, ma non si fanno mai dei nomi. Eppure le banche fanno capo a qualcuno, i mercati sono costituiti da persone, allora perché questi nomi non vengono mai pronunciati. Perché non dire che dietro alla speculazione attuale ci sono persone con nomi e cognomi proprio come i nostri?
Per me è un mistero.
Si parla di attacco all'Euro ma chi lo sta attaccando avrà pur un nome?
E sarebbe importantissimo, secondo me, sapere quali nomi si celano dietro a queste speculazioni che sono in grado di affamare interi popoli!
Nessuno ha il coraggio di pronunciare questi nomi, nessuno parla di loro come persone fisiche, si tratta l'argomento in modo astratto...i mercati...gli speculatori....ecc..
I nostri politici, e spero vi sia ormai chiaro, sono solo dei burattini, dei pupi nelle mani di questi mercati e finanzieri. Burattini a 360 gradi.
Da una parte sono tirati dalla finanza, da un'altra dalla corruzione, da un'altra ancora dalla collusione con le mafie e in ultimo, dalla Chiesa Cattolica!!!
Insomma, siamo l'ombelico del mondo, del mondo delle malefatte, dei sotterfugi, dei tradimenti e di tutto quello che c'è in negativo
Del resto abbiamo una cultura di oltre 2000 anni in questo senso e la nostra è una corruzione innata, il malcostume e l'immoralità fanno parte del nostro DNA.
C'è poco da fare: ci nasciamo così!
Parliamoci chiaro, se ci troviamo in questa situazione dobbiamo ringraziare i nostri genitori che, pur di approfittarsi di ogni situazione e farsi i propri comodi, non ci hanno pensato su troppo e se ne sono infischiati dei danni che avrebbero causato a chi veniva dopo, cioè a noi.
Ringraziamo dunque loro per questo bel risultato odierno.
Non faccio distinzioni fra capi di governo ed operai, perché, fatta eccezione per alcuni ideologi, tutti hanno una parte di colpa.
Questa è la nostra eredità.
Sapere quali persone abbiamo di fronte è il primo passo per cambiare. 
Come si chiamano quegli speculatori che determinano la cifra per la quale noi dovremmo sacrificarci per avere ancora una boccata di ossigeno permettendo così ancora una volta alla finanza di derubarci con il bene placito ed interessato dei nostri politici tutti?

Manteniamo l'allerta
Massi

Massi · 60 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
05 Dic 2011 


Il Governo Monti ha finalmente mostrato la sua vera faccia: la faccia dell'alta finanza!
L'Italia, gli Italiani, sono nelle mani dei grandi finanzieri e speculatori che da molti anni detengono più potere dei Governi, dei politici e degli elettori. I politici perché si vendono agli speculatori; gli elettori perché si vendono credendo ai politici: una concatenazione di eventi che ci ha condotto al fallimento.
Mi ritengo una persona normale, mi accorgo, vedo, capisco che il fallimento italiano è inevitabile in quanto non solo noi ma tutto l'Occidente è in recessione quindi, come si può pensare che l'Italia si possa riprendere dal debito pubblico che trascina da tempo immemore?
Tutto questo bel carosello che hanno costruito intorno al problema, secondo me, non è altro che una manovra studiata dagli speculatori per spillare ancora soldi ai cittadini. Poi falliranno alcune banche, fallirà l'Italia e ci ritroveremo senza case, soldi, risparmi etc. mentre i grandi finanzieri continueranno tranquillamente ad arricchirsi.
Quando negli Stati Uniti le banche sono fallite, e i cittadini si sono ritrovati senza casa, le solite grandi famiglie avevano guadagnato miliardi di dollari sulla pelle di chi lavorava e risparmiava.
Il sistema, ormai non più sostenibile, in quanto all'avidità non ci sono limiti, né all'ingordigia ed al cinismo, si ritrova allo sbando e, coloro che dovrebbero vigilare sui privati, e cioè i politici, sono anch'essi talmente corrotti per cui, alla fine, i cittadini si ritrovano nel mezzo schiacciati.
Sono relegati al ruolo di pedine, senza potere né l'illusione del voto che serve. Qualunque sia la persona, lo schieramento, l'ideologia, non cambia mai niente. Potremmo votare qualsiasi partito e nulla cambierebbe.
La politica è divenuta un tentacolo della piovra, un semplice tentacolo, un'appendice dell'alta finanza, delle solite famiglie massoniche che, tra chiesa e politica riescono a schiavizzare ed assoggettare le masse a suon di illusioni tanto poi, alla fine, ne escono sempre vittoriosi.
Non illudiamoci, dalla crisi non se ne esce.
Con la manovra Monti i mercati miglioreranno per qualche settimana, poi si tornerà alla crisi.
Tattiche per illudere e manipolare le masse.

All'erta come sempre
Massi

Massi · 48 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
03 Dic 2011 

Siamo alle solite cari amici, guardare la televisione, ascoltare i politici mentre ci offrono le loro opinioni, è uno spettacolo indecente, deprimente, vergognoso: stanno rilasciando interviste come se fossero in campagna elettorale. Ognuno cerca di rassicurare i propri elettori, mentre nel frattempo Monti va' avanti ignorandoli del tutto.
Il paradosso sta nel fatto che il professore ora si è scelto il suo gruppo di lavoro composto da una ventina di tecnici, i vecchi politici appartenenti al precedente governo sono ancora lì dietro alle quinte, nei sotterranei, e nessuno ha perso la preziosa remunerazione.
Alla fine, i costi della politica sono aumentati, si sono aggiunti altri 20 stipendi,e poi si parla di riduzione del numero dei parlamentari!...
Che vergogna!
E' tempo di muoverci tutti insieme e cacciarli, privarli dello stipendio ed estradarli dalla vita politica, facendoci risarcire i danni causati per incompetenza e via dicendo....ci hanno condotti verso il collasso e ancora hanno il coraggio di mostrarsi in pubblico contravvenendo al significato del termine onestà.
Potremmo unirci, cambiare le cose, capire che non esistono più gli schieramenti, senza cadere nella trappola obsoleta del "destra-sinistra" che ci indebolisce e rende frammentari.
Finiamola di chiedere le dimissioni degli avversari, sono i vertici che debbono dimettersi!
Insieme passeremmo ad un livello superiore mentre  oggi siamo guidati da un branco di incapaci.
Specifico: incapaci a curare i nostri interessi ma oltre modo capaci a farsi i propri.
Veniamo trattati come un gregge di pecore e se non ci opporremo in fretta a questa situazione il declino sarà costante. Ci facciamo derubare giornalmente, impoverire dalle tasse, mentre loro si arricchiscono con le varie tangenti e, non contenti, si mettono in affari con le mafie per ottenere voti importanti. Come sciacalli hanno le mani in pasta, chiedendo scusa agli sciacalli, ovviamente....
Ecco la politica che ci guida oggi, ecco il quadro sconfortante di cui facciamo parte. Prima ce ne renderemo conto e prima porremo rimedio a questa drammatica situazione.
Non trinceriamoci dietro alle nostre posizioni, andiamo oltre, passiamo ad un livello superiore. Uniamoci a prescindere dalle diverse bandiere e colori che ci separano.
Quando capiremo che chi è in difficoltà, sia esso di destra o di sinistra, non fa' la differenza, incontreremo davvero la crisi che avrà come merito e vantaggio l'unificazione delle masse contro quell'esiguo numero che ci teneva sotto tiro.
Saremmo 50 milioni di Italiani contro poco più di 1000 politici corrotti, e non sarà difficile cacciarli.

All'erta come sempre
Massi

Massi · 43 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat

Pagina precedente  1, 2, 3, 4, 5