Calendario

Dicembre 2011
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatore: 1

rss Sindicazione

Affissione degli articoli inviati in: Dicembre 2011

13 Dic 2011 

Siamo tutti in attesa che la manovra venga approvata.
Sarà messa la fiducia, potrà essere migliorata, forse in qualche punto, dicono loro, ma io non lo so cosa intendono dire con "migliorare".
I nostri tecnici non hanno capito che chi guadagna poco più di mille euro al mese non riesce a far fronte alle spese giornaliere e non arriva alla fine del mese. Non si sta parlando di andare in ferie, si parla di riuscire a mangiare e pagare le bollette. Che poi non vedo cosa ci sia di male se una persona che lavora un intero anno vada in ferie. Dopo un anno di fatiche credo sia un diritto di tutti riuscire a svagarsi e rilassarsi.
La tecnica di farci sentire in colpa, anche per quel poco che ci siamo guadagnati, è a mio avviso scorretta, subdola e dovremmo dire basta.
Come riuscire a mantenere la propria famiglia, il signor Monti e tutti i banchieri che lo circondano? Dovrebbero provare loro a vivere un intero anno, non un mese, con quello che guadagna un operaio e soprattutto provare la fatica fisica che affronta ogni giorno!
Se lor signori provassero un anno di stenti e fatiche, vi garantisco che i soldi per la manovra si impegnerebbero sul serio a cercarli presso chi ne ha, e non solo a chiacchiere come fanno ora....
Il grave sta in questo: non sanno di cosa parlano quando si riempiono la bocca con la parola "sacrifici"; non hanno la più pallida idea di cosa significhi e che cosa stanno chiedendo. Cosa pretendono dagli operai, che lavorino gratis?
Che un operaio, per dar loro le comodità e il lusso ai quali sono abituati, resti a digiuno?
Avete fatto caso che il signor Monti non si sporca neanche le mani per aprire le porte degli uffici in cui entra?
C'è sempre una segretaria che gli spalanca le porte. Guai poi ad aprire la portiera della sua lussuosa auto blu....neanche fosse come Re Mida che quello che tocca si tramuta in oro....
Ma vi rendete conto quale persona chiede a noi di fare i sacrifici? Che inizi ad usare per prima cosa le sue preziose ed ineguagliabili capacità!
E' talmente bravo che non possiamo fare a meno di lui, questo è vero, non per l'abilità di trasformare in oro ciò che tocca, ma per la freddezza con cui toglie le caramelle ai bambini.
Il nostro Presidente lo ha cercato su misura il geniale tecnico Monti!
Solo lui e la sua cricca potevano studiare simili misure: complimenti vivissimi. Apparire in televisione ed annunciare a milioni di cittadini che quel poco che hanno verrà loro tolto, richiede una bella dose di coraggio e faccia tosta.
Quindi ancora complimenti a Monti!

Ma noi siamo in all'erta.
Massi 

Massi · 80 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
12 Dic 2011 


Mercati in ribasso, crisi globale, si salvi chi può.
Tra non molto si tornerà ad acquistare un pezzo di terra agricolo dove poter coltivare ed allevare, non per poi farne attività commerciali a scopo di lucro, ma solo per la propria sopravvivenza.
A parte gli scherzi, se si tratta di scherzi, siamo in una situazione gravissima. Non tanto perché le manovre ci impoveriscono e questo è un fatto ormai scontato; la situazione è grave perché nessuno dei nostri politici/economisti prende in considerazione l'uscita dalla Comunità Europea. Non si ipotizza minimamente una possibilità in quella direzione ed è talmente tanta la propaganda che si fa sull'impossibilità di uscire dall'euro, pegno il fallimento, la rovina etc.etc.etc.
Ora la Gran Bretagna ha posto il veto al Congresso di Bruxelles: pensate forse che ci sarà un'invasione armanta sul territorio inglese? Credete forse che da adesso la Gran Bretagna non esporterà più beni commerciali? Non continuerà ad importare beni di consumo?
Niente di tutto questo.
La Gran Bretagna continuerà continuerà ad andare avanti, non fallirà, anzi, se non cederà ai ricatti e alle minacce della Comunità Europea, potrà avere uno sviluppo e una ricchezza che noi guarderemo inebetiti!
Spero di cuore che il Regno Unito ci possa servire come esempio e mi auguro che la posizione di Cameron resti irremovibile così da dimostrare che si può vivere anche senza euro, anzi, si vive meglio.
Se i nostri politici, invece di preoccuparsi tanto di fare contenta la Comunità Europea, si preoccupassero di fare il favore e gli interessi degli elettori anziché prostrarsi....
Ciò che è accaduto a Bruxelles non cada dunque nel dimenticatoio e la posizione della Gran Bretagna non venga sottovalutata.
Vi prego di prestare attenzione ai media. Se il fatto non verrà enfatizzato, se sarà dimenticato, vorrà dire che le minacce dell'eurozona sono solo chacchiere e nient'altro, tentativi d'intimidazione senza seguito.
Del resto gli Anglosassoni già in passato hanno avuto il coraggio di voltare le spalle alla Chiesa, che in quel dato periodo storico era paragonabile all'eurozona di oggi.
Facciamo tesoro del passato e della storia perché se questo non accade saremo nostro malgrado destinati a ripetere gli stessi errori...all'infinito.
Ieri, oggi, domani.
Chi conosce la storia e s'interessa al passato riconosce questo meccanismo e non se ne meraviglia.
Il sapere e la conoscenza della storia passata sono i mattoni per le fondamenta di un futuro migliore.
La conoscenza e la consapevolezza di ciò che siamo stati è la chiave per la risoluzione della gran parte delle difficoltà future.

Abbiate coraggio.
Massi

Massi · 72 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
12 Dic 2011 


Il vertice europeo si è concluso ed è stato un fallimento totale nonostante le dichiarazioni di Monti, il professorone.

Alla fine, tutti gli stati si preoccupano di loro stessi e non c'è alcuna unione dell'euro. Tutti tirano l'acqua al loro mulino e, solo l'Italia è così altruista da affamare i propri cittadini più deboli in nome dell'ideale dell'euro.


A dirla tutta, un ideale molto pratico e terreno: si tratta di soldi ed interessi, tutto qui.


Allora, il nostro professorone Monti ci mette in ginocchio per l'euro che è già acqua passata, andrà incontro al voto di fiducia, al consenso bilaterale dei nostri politici e tutto diviene proprio prevedibile e scontato.


Il fatto è che le persone sono ormai stanche ed esasperate e te ne accorgi dalle chiacchiere per strada fra conoscenti, l'allarme è alto e il nervosismo alle stelle. Sempre più spesso si fa allusione alla violenza sentendo dire che l'unica soluzione è il ricorso alle armi e cose simili.


Non condivido questa presa di posizione non perché nutra delle simpatie particolari nei confronti del potere, sia chiaro, ma perché sarebbe controproducente e la nostra fantomatica Democrazia si schiererebbe contro ogni forma di violenza, soprattutto se esercitata nei suoi confronti.


Siamo ahimé circondati ovunque da politici che non curano gli interessi degli elettori, anzi al contrario sono servi della finanza e delle banche.


Ma il ricorso alla violenza sarà inevitabile, lo stiamo già vedendo in questi giorni. Non essendoci alternative valide, la violenza di strada diverrà semplice ed immediata.


Si parla di miglioramenti e della fiducia di cui gode il governo Monti, ma io tutta questa fiducia, scusatemi, non mi sento di darla e non la vedo affatto. Da quando Berlusconi è stato cacciato abbiamo perso miliardi di euro senza alcun cambiamento sostanziale. E anche se si indicessero le elezioni secondo me non cambierebbe di molto. L'unica soluzione sarebbe fare piazza pulita dei nostri politici che da decenni ci stanno rovinando.


E' ora di dire basta.


Massi


Massi · 44 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
12 Dic 2011 


Le cose vanno di male in peggio, e va bene. Mi sto chiedendo però cosa potrebbe accadere se noi uscissimo dall'euro e a quale gravissima catastrofe andremmo incontro. Alla fine il nostro debito pubblico è così alto che un accordo per trasformarci in un'altra moneta, quale che sia, lo troveremmo.
Gli Stati che aderiscono alla Comunità Europea, attaccano e criticano in modo spaventoso che ne vuole restare fuori o ne vorrebbe uscire.
Pensate a quando il Presidente greco annunciò di voler indire un referendum. Lo annunciò in quanto la democrazia lo prevede e, a maggior ragione, quando uno stato democratico è in fallimento e sta lasciando senza stipendi tutte le persone appartenenti alla classe sociale più debole.
L'eurozona ha parlato con il Presidente obbligandolo a fare marcia indietro. Niente più referendum, abolita la democrazia.
Non so che cosa gli abbiano detto, fatto sta che la popolazione greca non ha avuto diritto di parola né decidere in quale direzione dirigersi. Potrebbero votare e scegliere un altro presidente, è vero, però chi si candida, che sia di destra o di sinistra, comunque è manipolato dai poteri occulti dell'eurozona. La stessa cosa accade qui da noi, che sia di destra, di sinistra, o di dove volete, il risultato no cambia.
Siamo commissariati dagli Stati dell'euro: ma abbiamo davvero capito che cosa significa questo?
Sul suolo europeo i conflitti non si fanno più con le armi e la violenza: la guerra si è trasferita nelle banche e si è trasformata, trasformata, attenzione, non sparita.
L'annessione che una Nazione forte faceva nei confronti di una più debole con le armi, ora non si usa più, è passata di moda.
La parola Commissariamento indica che altre Nazioni ci dettano le nostre linee economiche e sociali, a loro dire nei nostri interessi.
Ma quale Nazione, piuttosto che aiutare sé stessa ne aiuta un'altra? Quale Nazione ha un tale senso di altruismo da rinunciare al proprio benessere dandocelo a noi?.... Voglio sperare che ci rendiamo conto che è impossibile che altre Nazioni pensino a noi, comuni cittadini italiani, sostituendosi ai nostri politici votati che non lo hanno fatto prima per qualsivoglia ragione.
Sono dell'idea che vi sia una pianificazione a livello mondiale dietro a tutto questo che ci porterà verso la Globalizzazione finanziaria e verso la schiavitù delle masse e dei popoli.
Verremo tutti uniformati e utilizzati per servire i nuovi eredi dei vecchi dittatori.
La crisi è già servita per far sì che noi Italiani fossimo stati privati dei nostri diritti di base: il voto, la casa, il lavoro.
Tutte quelle cose che sono alla base della vita democratica.
Ciò è avvenuto gradualmente, senza troppo clamore e non in modo casuale.
Ma se anche fosse stato casuale, il risultato non cambia ed è la palese ed evidente sconfitta della Democrazia.

All'erta sempre.
Massi

Massi · 46 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat
12 Dic 2011 

Insomma, la credibilità del nostro governo tecnco è peggio di quella di cui godeva Berlusconi.
Io, sia ben chiaro, non sono pro Berlusconi e ad ogni modo non mi stancherò mai di dire che questo governo tecnico è una truffa colossale.
Ci stanno derubando con la speculazione e con il favore, ovviamente ricompensato, dei nostri politici tutti che sono contro questa manovra "Salva Italia" però....tutti la voteranno. E' incredibile!
Salvare l'euro non ha senso, l'euro non esiste, dobbiamo capire questo. E' importantissimo capire che l'euro è solo una parola, un'idea e il terrorismo mediatico che si sta facendo sull'ipotesi della sua caduta è tutta una farsa.
Terrorismo mediatico a 360° per riuscire a tenere in piedi l'Unione Europea che, io mi chiedo, quanti miliardi all'anno ci costa questo apparato comprese tutte le strutture che gli gravitano attorno: politici europei e eurodeputati, varie scorte, alberghi, aerei, auto, palazzi, viaggi, pranzi, cene e così via all'infinito.
Svegliamoci signori, per favore, svegliamoci!
Se continuiamo in questo modo, ci ritroveremo a farci la guerra nelle piazze tra di noi, tra poveri che vengono manipolati da chi se ne sta vigliaccamente rintanato e protetto dentro i palazzi del potere.
La mia previsione è che tra qualche settimana l'Italia riceverà un finanziamento di 800-900 miliardi di euro ad un tasso di interesse del 4-5%. Questi soldi serviranno per salvare le banche che hanno acquistato titoli tossici al fine di derubare i cittadini delle loro case ed attività. Veniamo manipolati dai nostri politici proprio nella direzione del salvataggio delle banche che è importante capire e ripetere: sono private, private e non pubbliche, sono private!!!
Ormai da troppo ci stanno menando per il naso. Ogni banca, nessuna esclusa, fa una speculazione selvaggia e questo tipo di mercato è destinato ad implodere; non può rigenerarsi all'infinito, è una conseguenza logica.
Ora, sta a tutti noi far capire all'Europa e al mondo che diciamo basta, basta a queste sanguisughe, basta a questi soprusi, a queste violenze dei ricchi sulle masse.
Io vedo soltanto che i paesi europei che non hanno adottato l'euro stanno andando avanti e non sono sull'orlo del fallimento.
Ricordiamoci sempre che chi non è nell'euro non è un paese del terzo mondo, per cui fare dell'euro una questione di vita o di morte è solo una montatura per fare terrorismo mediatico.

Riflettete su questo.
Massi



Massi · 51 visite · Lascia un commento
Categorie: Cat

Pagina precedente  1, 2, 3, 4, 5  Pagina Successiva